Vene varicose: cause, sintomi, diagnosi, farmaci e trattamento alternativo

A ogni quarto abitante del pianeta vengono diagnosticate vene varicose, i cui sintomi non sono solo un difetto estetico, ma un alto rischio di trombosi. Le vene varicose sugli arti inferiori e altri organi hanno diverse classificazioni, dovute a diverse cause e molte opzioni per il decorso della malattia. Se la patologia non viene trattata, le complicazioni porteranno a un disturbo del flusso sanguigno venoso, al verificarsi di ulcere trofiche, scolorimento blu e necrosi degli organi.

Che cosa sono le vene varicose

Da un punto di vista medico le vene varicose si stanno allungando e dilatando i vasi degli arti inferiori con un progressivo assottigliamento della parete venosa. L'elemento di partenza della patologia è il guasto della valvola, che è la causa principale del ristagno. Sotto l'influenza della pressione emodinamica, l'equilibrio tra collagene, cellule muscolari e fibre elastiche viene disturbato, il che porta ad un aumento dello spessore della parete. Se la pompa muscolare è insufficiente, si verifica il ristagno, provocando una violazione del flusso sanguigno inverso e la formazione di vene varicose.

Sintomi delle vene varicose

È difficile non notare i sintomi della patologia anche nella fase iniziale. All'inizio, le vene varicose degli arti inferiori si manifestano con dolore dopo un'intensa attività fisica, una sensazione di pesantezza, sensazione di bruciore lungo le vene e gonfiore della parte inferiore della gamba. L'immagine non sembra molto gradevole esteticamente. Ulteriori sintomi delle vene varicose dipendono dal grado di patologia:

  1. Primo grado.Il paziente non presenta forti inconvenienti. Un leggero gonfiore e dolore compaiono solo la sera.
  2. Secondo grado.Le gambe sono gonfie, si manifesta una rete venosa, le convulsioni si verificano di notte. Le valvole delle vene superficiali si restringono, con conseguente riduzione del flusso sanguigno.
  3. Terzo grado.C'è un aumento della pigmentazione della pelle sulle gambe, appare gonfiore delle gambe e dei piedi, la sindrome del dolore e la debolezza generale sono costantemente presenti.
  4. Quarto grado.Si formano difetti ulcerosi che danneggiano i tessuti molli (ulcere trofiche), si verifica sanguinamento esterno. È possibile la rottura della parete varicosa.

Segni di vene varicose alle gambe

Le persone spesso associano le vene varicose alle gambe con altre patologie. Solo un medico può diagnosticare con precisione la malattia. I primi segni di vene varicose:

  • dolore agli arti inferiori con camminata prolungata e / o al mattino;
  • la comparsa di vene varicose sulla pelle della parte inferiore della gamba, cosce;
  • cianosi degli strati superficiali dell'epidermide sopra le vene danneggiate;
  • gonfiore, pesantezza dei muscoli del polpaccio.

Se il paziente non presta attenzione ai primi segni di ingrossamento (dilatazione) delle vene, appare il dolore lungo i tronchi venosi e sulla pelle appare un aumento della pigmentazione. La dermatite e l'eczema si uniscono alla malattia. I nodi varicosi sporgono sopra la superficie della pelle della parte inferiore della gamba e dei piedi. Con una patologia pronunciata, si sviluppano complicazioni pericolose per la salute umana.

manifestazioni di vene varicose nelle gambe

Le ragioni

I fattori provocatori delle vene varicose sono numerosi. Questi sono genetica, obesità, gravidanza, parto. Tuttavia, i medici ritengono che le cause principali delle vene varicose siano:

  • predisposizione ereditaria;
  • patologia valvolare congenita;
  • uso regolare di contraccettivi ormonali;
  • permanenza prolungata in piedi;
  • stile di vita sedentario;
  • utero allargato;
  • un tumore maligno che interferisce con il normale deflusso del sangue venoso;
  • disturbi endocrini;
  • malfunzionamento del sistema ormonale.

Classificazione

È possibile stabilire la classificazione esatta della patologia dopo un esame completo e l'osservazione di essa in dinamica. I tipi di malattie vascolari varicose sono suddivisi in base alla posizione delle vene superficiali o profonde. Le vene varicose degli arti inferiori sono classificate in base a una serie di criteri:

  • la gravità dell'insufficienza venosa;
  • il volume della lesione;
  • la gravità della patologia;
  • configurazione delle aree ectazed;
  • aspetto;
  • la presenza di disturbi emodinamici.

Fasi delle vene varicose

Secondo la classificazione internazionale, le vene varicose hanno tre fasi, ognuna delle quali ha le sue caratteristiche:

  1. Fase di compensazione.Dura mesi o addirittura anni. Le manifestazioni pronunciate di patologia possono essere del tutto assenti. Dai sintomi visivi, è possibile la comparsa di vene tortuose nelle gambe.
  2. Fase di subcompensazione.Può durare diversi anni. Si sviluppa una grave deformazione delle vene perforanti, che è accompagnata da un flusso sanguigno alterato. Sugli stinchi, la pelle diventa viola-marrone.
  3. Fase di scompenso.Tutte le manifestazioni cliniche sono aggravate, l'edema diventa permanente, si formano ulcere trofiche non cicatrizzanti a lungo termine.

Complicazioni

La complicanza più comune delle vene varicose è considerata l'insufficienza venosa cronica, quando i vasi sanguigni non sono in grado di nutrire normalmente i tessuti molli degli arti inferiori. La flebite si verifica spesso anche a causa di una forte espansione del lume delle vene. La malattia colpisce una serie di vasi che si trovano vicino alla superficie della pelle. Se l'infiammazione delle vene non viene trattata, la flebite si diffonde in profondità nel corpo. La tromboflebite è una patologia che colpisce un quarto delle persone con vene varicose.

La complicazione più pericolosa delle vene varicose è la trombosi. Il trombo risultante può ostruire la nave, portando alla cancrena e all'amputazione della gamba. Se un coagulo di sangue si stacca dalle vene profonde degli arti inferiori, verrà trasportato attraverso il flusso sanguigno prima al cuore, quindi al polmone: questo è un sintomo di tromboembolia. Nell'arteria polmonare, il coagulo si blocca, riducendo l'apporto di ossigeno all'atrio. Con un grande coagulo di sangue, è possibile un risultato letale.

flebite sulle gambe come complicanza delle vene varicose

Diagnostica

Alle prime manifestazioni di vene varicose, dovresti consultare un chirurgo, un neurologo o un flebologo. Il medico sarà in grado di fare la diagnosi corretta dopo la diagnosi. Il gold standard per la rilevazione delle malattie del sistema venoso è il passaggio dell'ecografia duplex. Durante questo metodo, il medico vede un'immagine accurata della deformazione delle vene in ciascuna area. Una parte integrante della diagnosi sono gli esami di laboratorio su sangue, urine, livelli ormonali. L'analisi più importante è l'indice di coagulazione. Con il suo aiuto, il rischio di tromboflebite e trombosi viene valutato correttamente.

Trattamento delle vene varicose nelle gambe

Una dieta deve essere inclusa nel programma completo di trattamento per le vene varicose, perché il sovrappeso è uno dei principali fattori di rischio per le vene varicose. Anche la cessazione del fumo è inclusa nello schema terapeutico, perché l'anidride carbonica spasma i vasi sanguigni, aumentando il rischio di complicanze secondarie (ictus, infarto). Indossare biancheria intima compressiva è anche un'ottima opzione per sbarazzarsi della patologia in una fase precoce, ma il trattamento principale per le vene varicose è la terapia farmacologica e / o chirurgica.

Trattamento conservativo

Per alleviare le condizioni del paziente, i medici prescrivono farmaci locali e sistemici, terapia compressiva ed esercizi speciali. Sebbene le misure conservative non liberino completamente il paziente dalle vene varicose, aiuteranno ad alleviare i sintomi e prevenire le complicazioni. I decongestionanti proteggono dall'edema, riducono l'anormale permeabilità delle pareti venose e contrastano l'accumulo di liquidi. Farmaci che migliorano la circolazione sanguigna, normalizzano il metabolismo dell'ossigeno nei tessuti e hanno un effetto protettivo contro i radicali liberi.

Farmaci

Per il trattamento medico delle vene varicose vengono utilizzati vari gruppi di medicinali, inclusi anticoagulanti, fleboprotettori, agenti antipiastrinici piastrinici e antistaminici. Per la terapia locale, vengono utilizzati corticosteroidi e farmaci antinfiammatori, enzimi sistemici.

Dieta

Affinché la terapia delle vene varicose abbia successo, è necessario compensare l'alimentazione in termini di apporto calorico, ovvero l'energia consumata non dovrebbe essere superiore al fabbisogno energetico del corpo. Inoltre, i peperoni, le marinate, i condimenti caldi, le carni affumicate dovrebbero essere esclusi dal menu, la quantità di sale e il consumo di grassi animali dovrebbero essere ridotti. Si consiglia di rinunciare all'alcol. Alimenti necessari nella dieta:

  • un gran numero di frutta e verdura;
  • pesce di mare, frutti di mare;
  • pane grosso;
  • oli vegetali;
  • noccioline.
frutta e verdura durante una dieta con vene varicose

Terapia compressiva

Una buona opzione per la prevenzione e nella complessa terapia delle vene varicose. L'effetto terapeutico è dovuto all'effetto di spremere le vene dilatate, che ridistribuisce il condotto sanguigno. In vendita puoi trovare calze, gambaletti, collant con diversi parametri di pressione, opzioni di modello e colori. È necessario indossare calze compressive al mattino anche prima di assumere una posizione eretta, fino a quando il sistema venoso è pieno di sangue, e indossare fino alla sera.

Chirurgia

Se il trattamento conservativo delle vene varicose nelle gambe non dà risultati e la presenza di coaguli di sangue aumenta il rischio di complicanze, il medico ti indirizzerà all'intervento chirurgico. Esistono diversi metodi di intervento chirurgico per le vene varicose:

  1. Flebectomia combinata.L'opzione classica, il cui compito principale è eliminare il reflusso. Le vene vengono rimosse attraverso piccole incisioni.
  2. Elettrocoagulazione endovasale.Implica la rimozione dei vasi sottocutanei utilizzando una corrente.
  3. Criochirurgia.Permette di rimuovere le vene colpite a causa delle basse temperature.
  4. Sclerobliterazione intraoperatoria.L'essenza della scleroterapia è l'uso di un'iniezione di catetere nelle vene safene di speciali agenti sclerosanti.
  5. Dissezione endoscopica.Usando le sonde, il medico lega le vene colpite e le rimuove dal flusso sanguigno.
  6. Coagulazione laser.La vena è sigillata dall'interno con un raggio laser ed è esclusa dalla circolazione generale.

Metodi tradizionali

L'espansione delle vene non può essere curata con ricette popolari, ma può essere aiutata con una terapia complessa. I mezzi più comuni:

  1. Bardana.Tieni un foglio pulito della pianta sul vapore per riscaldarlo, quindi applicalo sulla vena interessata con l'interno sotto forma di impacco e fissalo con una benda. La procedura deve essere eseguita prima di coricarsi. Il corso comprende 5 impacchi, che vengono applicati a notti alterne.
  2. Estratto oleoso di calendula.Versare i fiori della pianta (50 g) con un olio vegetale (500 g), quindi cuocere a bagnomaria per mezz'ora. Insistere per un'ora, quindi filtrare e strofinare ogni giorno prima di coricarsi sulle zone dolenti. Legare in cima con una sciarpa di lana e lasciare per una notte. Il corso del trattamento è di 1 mese.

Profilassi

Per evitare le gravi conseguenze delle vene varicose, è importante attuare misure preventive in tempo:

  • riportare il peso corporeo alla normalità;
  • prevenire l'ipodynamia;
  • indossare biancheria intima a compressione;
  • applicare creme e unguenti - venotonic;
  • evitare lesioni meccaniche alle gambe;
  • prevenire un aumento del carico sugli arti inferiori;
  • una volta ogni 2 anni, sottoporsi a un'ecografia delle vene.

Foto delle vene varicose degli arti inferiori

foto delle vene varicose sulla gamba